La Scala: tutti i segreti della scenografia

Una visita diversa dalle altre. Per la prima volta non siamo andati ad assistere ad uno spettacolo scaligero, ma abbiamo scoperto i segreti delle grandiose scenografie che fanno da scenario alle opere del Teatro alla Scala.

La mattina del 3 maggio le classi della sezione musicale sono andate a visitare i Laboratori-atelier Ansaldo del Teatro alla Scala, dove vengono costruite tutte le scenografie e i costumi necessari per allestire i balletti e le opere del teatro. I Laboratori sono situati all’interno di vecchie fabbriche di vagoni ferroviari, sono un po’ fatiscenti ma con spazi molto ampi, adatti a realizzare grandi strutture. I Laboratori si suddividono in cinque grandi padiglioni, in ciascuno viene svolta un diverso tipo di attività. I ragazzi hanno visitato i Laboratori con una guida che ha spiegato loro tutti i segreti della scenografia; appena entrati sono saliti al primo piano, dove hanno potuto osservare i bozzetti in 3D delle scenografie delle opere e dei balletti che hanno avuto più successo, tra cui il “Flauto Magico” e l’“Aida”. Hanno continuato la visita con il Padiglione Benois , dove vengono costruiti i “ pezzi” più significativi delle varie scenografie. Là stavano realizzando alberi alti quindici metri per la scenografia di uno spettacolo che sarà allestito alla Scala tra un paio di mesetti, l’opera “Luisa Miller” di Giuseppe Verdi. La seconda sala visitata è stata quella della Scenoplastica, cioè del “polistirolo”, lo spazio dove scenografi, specializzati nella scultura, si occupano di realizzare enormi statue, sottoboschi, colonne o edifici, in questa sala gli scultori sono forniti di colle specializzate, coltellini e di enormi blocchi di polistirolo sempre pronti all’uso; la terza sala visitata è stata la Falegnameria dove vengono costruiti mobili e arredi in legno, la sala è piena di trucioli di legno. La quarta sala è stata quella dei fabbri, dove alcuni ragazzi non hanno prestato molta attenzione perché, a loro dire, non trovavano niente di interessante. Ma di fatto, è un’area molto importante. Al contrario della sala dei costumi, collocata nel Padiglione Caramba, dove gli alunni hanno mostrato più interesse perché la guida li ha informati sul fatto che i costumi dei ballerini sono fatti con materiali elastici e con pochi accessori, mentre quelli dei cantanti lirici sono fatti con materiali pesanti e con tanti accessori. Una curiosità che i ragazzi hanno scoperto sulla Scala è la quantità di vestiti che fabbricano ogni anno e, cioè, fabbricano ogni anno la bellezza di 10.000 costumi. La visita ai laboratori del Teatro alla Scala ci è piaciuta molto.

Fiamma 1 D Tabacchi

Categorie: Arte&Cultura, Cronaca in Classe, Musica&Spettacolo, Teatro | Tag: , , , , , | 1 commento

Navigazione articolo

Un pensiero su “La Scala: tutti i segreti della scenografia

  1. valdemart

    brava Fiamma!!! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: