Il nostro blog

Incontro con il dott. Cristoffanini, co-fondatore di Emergency

Co-fondatore di Emergency insieme al chirurgo di guerra Gino Strada, il Dott. Giulio Cristoffanini è venuto a trovarci presso la scuola di via Vigevano per parlarci dell’associazione. I suoi racconti e le sue testimonianze ci hanno affascinato e incuriosito, ma anche un po’ rattristato e ci hanno soprattutto fatto pensare alle conseguenze orribili della guerra.

MILANO. Giovedì 24 maggio è venuto nella classe VB di Via Vigevano Giulio Cristoffanini, co-fondatore di Emergency. Noi gli abbiamo fatto diverse domande e lui ci a risposto con parole adeguate affinché potessimo capire. Il Dott. Giulio ci ha detto che l’associazione è stata ideata da Gino Strada, il 15 maggio del 1994. Emergency ha costruito in questi anni ospedali in diversi paesi tra i quali ad esempio Sudan, Iraq, Cambogia, Sierra Leone e Afghanistan. Quest’ultimo è lo stato in cui curano più feriti. L’associazione riceve ogni anno intorno ai 24 milioni di euro, però non bastano per le medicine e per costruire gli ospedali perché c’è crisi. In ogni ospedale ci sono circa 100 persone e ci sono molte situazioni di emergenza per cui è necessario salvare una vita un pochi minuti. Le emozioni che si provano in queste situazioni sono molto forti e spesso possono nascere delle amicizie tra medici e pazienti, così che, nonostante la gioia per la guarigione, dispiace salutarsi. Il Dott. Giulio ci ha raccontato anche qualche storia personale, per esempio la storia di quando è andato in Cambogia e invece di starci 2 mesi ce n’è stato 4. Lì ha fatto amicizia con tutti gli infermieri e i bambini dell’ospedale con i quali giocava; alcune volte faceva anche il giro con l’ambulanza e scattava tante foto. Ci ha raccontato che un giorno, mentre correggeva alcune foto scattate da dei bambini, uno di loro, gli disse in cambogiano: ”Non sono stato io! Non ho le dita….”  Quel bimbo infatti non aveva più un braccio perché era stato colpito da una mina anti-uomo. Queste mine vengono gettate dagli aerei. Hanno la forma di “pappagalletti” verdi e hanno delle alucce di plastica in modo che, una volta gettati, possano sparpagliarsi sulla terra sottostante. Questi “pappagalletti” assomigliano a dei giocattoli, ma in realtà sono bombe che non esplodono subito ma “aspettano” che i bimbi che li vedono, vanno a chiamare gli amici. Spesso accade che quando scoppiano, il bambino che era più vicino si acceca o perde qualche dito, se non tutta la mano. Il Dott.Giulio ci ha raccontato davvero molte cose interessanti che non sapevamo o immaginavamo. Lo ringraziamo e speriamo davvero che un giorno non esistano più queste storie di guerra.

 Classe 5^B  Vigevano

2 replies to “Incontro con il dott. Cristoffanini, co-fondatore di Emergency

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
close-alt close collapse comment ellipsis expand gallery heart lock menu next pinned previous reply search share star