Ilva: una tragedia da evitare

Un fatto di cronaca che ha destato molta attenzione e partecipazione. Un’esplosione che non si sarebbe dovuta verificare. Il ministro Clini dice che “è possibile far coesistere la protezione dell’ambiente e della salute”

TARANTO. È stata una notizia che ha fatto riflettere tutti sulla attuale condizione di lavoro e, ancora oggi, a distanza di giorni, se ne parla. Il 3 ottobre 2012 un operaio dell’Ilva (una società che si occupa prevalentemente della produzione e trasformazione dell’acciaio) ha subito ustioni di primo grado a causa di un’esplosione con fuoriuscita di scorie incandescenti di un contenitore Grf (gestione recupero ferro), uno di quelli sottoposti a sequestro dalla magistratura. L’uomo sarebbe stato investito dalle scorie mentre era a bordo di una escavatrice, scoppiate a contatto con il terreno umido. Sul caso, il Ministro dell’Ambiente, sostiene che “è possibile far coesistere la protezione dell’ambiente e della salute con la crescita economica, e perciò superare il conflitto tra lavoro e salute”. Questo è solo uno dei casi in cui le condizioni di lavoro non sono sempre sicure e protette. Spero che queste tragedie non si verifichino più.

 Renato F., 1^C Tabacchi

Annunci
Categorie: Cultura, News | Tag: , , , | Lascia un commento

Navigazione articolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: