Molto lontano dalla terra, eppure… milioni di oceani terrestri intorno a una stella!

eso0942aPer adesso è solo vapore acqueo: ma chissà, fra qualche miliardo di anni, una “nuvola” cosmica si potrebbe trasformare in acqua.

GRENOBLE (FRANCIA). Si chiama Dg Tau ed è una giovanissima (per modo di dire!) stella attorno alla quale pare ci siano una serie di pianeti e tantissima acqua. Talmente tanto che la sua quantità si potrebbe paragonare a quella di mille e mille oceani. La presenza di tutta questa acqua, sotto forma di vapore, è stata scoperta da un gruppo di ricerca internazionale coordinato dall’italiana Linda Podio, che lavora in Francia nell’Università di Grenoble e associata dell’Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf). La ricerca è stata pubblicata sull’Astrophysical Journal. La “giovane” stella DG Tau, è situata nella costellazione del Toro ed è distante dal nostro pianeta Terra circa 450 anni luce. “Giovane”, si fa per dire! Essa, infatti, ha pochi milioni di anni ed è circondata da tanti cerchi di polveri da cui si potrebbero formare pianeti, asteroidi e comete. La nostra ricercatrice italiana sostiene che “la quantità di vapore acqueo che contorna la giovane stella equivale a centinaia o migliaia di oceani terrestri“. La scoperta ha avuto “implicazioni notevoli sull’origine dell’acqua sul nostro pianeta“: la quantità di acqua vista nel disco di DG Tau, suppone che il nostro pianeta, al momento della formazione, fosse completamente asciutto e che l’acqua l’abbia “invaso” grazie a una pioggia fortissima di asteroidi e comete, che chiamiamo comunemente “stelle”, che arrivavano dallo spazio. Secondo i ricercatori, la maggior parte dell’acqua che si forma intorno a una stella si trova nelle parti più esterne del disco, dove le temperature sono molto basse, circa 100 gradi sotto lo zero. “In queste condizioni, l’acqua si congela sulla superficie dei grani di polvere del disco, ricoprendoli con spessi mantelli di ghiaccio e rendendola così ‘invisibile’ alle osservazioni” spiega la ricercatrice Linda Podio. “Tuttavia la radiazione molto energetica emessa dalla stella può far sciogliere parte del ghiaccio e far rilasciare vapore“. Staremo a vedere, anni permettendo!

Mara K.,1^D, Tabacchi

Categorie: Scienza&Tecnologia | Tag: , , , , , | Lascia un commento

Navigazione articolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: