Articoli con tag: Natale

Tanti Auguri dalla Sezione Musicale della Scuola Tabacchi

Annunci
Categorie: Arte&Cultura, Il nostro quartiere, Spettacoli&Cultura | Tag: , , , , , | Lascia un commento

Natale

L’augurio del dirigente, arch. Giuseppe Vincolo: “Gli italiani dimostrano di essere presenti gli uni per gli altri”.

Natale di crisi quello in arrivo in Italia, così come lo sono stati quelli degli ultimi anni. Gli italiani danno l’impressione ormai di essere abituati, quasi Continua a leggere

Categorie: Lettere ed Interventi, News | Tag: , | Lascia un commento

EXPOniamo le nostre ricette!!!

In occasione del Natale, noi classi 5 della scuola di Via Vigevano, abbiamo pensato di raccogliere ricette provenienti da paesi diversi fino a formare un grande ed unico ricettario; ovviamente ci hanno dato alcuni suggerimenti i nostri genitori, ma pochi-pochi, perchè noi in cucina siamo trooooopppo bravi!!!!L’ispirazione è nata da un grandissimo progetto: EXPO 2015 al quale la nostra Scuola ha aderito; in particolare, potendo scegliere tra cibo ed acqua, abbiamo optato per il Continua a leggere

Categorie: News | Tag: , , | 1 commento

Merry Christmas and Joyeux Noël

Christmas in France and England. Ma anche in Italia!

MILANO. Il Natale è una festa accompagnata da diversi costumi, folclore e celebrazioni, che cambiano da paese a paese. Molte sono le tradizioni e i simboli del Natale: l’albero di Natale, lo zampone, il cotechino, il ceppo di Natale, l’agrifoglio Continua a leggere

Categorie: Culture, multiculturalità, News | Tag: , , , , , | Lascia un commento

Il Natale, festività che noi (cinesi) non festeggiamo

La storia del Natale in Cina è un po’ diversa da quella italiana. Nel XX dei ragazzi vennero in Italia e avevano scoperto che esisteva una festa, il Natale. Fu così che lo diffusero in Cina. Qui non è molto importante il Natale e di solito viene festeggiato solo nelle città molto importanti come Shangai e Pechino. Visto che in Cina il Natale non è importante non ci sono vacanze, si va a scuola e si continua a lavorare. Solo l’1% dei Cinesi sono Cristiani, e nelle campagne o in montagna le persone non hanno neanche idea di cosa sia il Natale. Gli Continua a leggere

Categorie: Culture, multiculturalità, News | Tag: , , | Lascia un commento

Un panettone per il volontariato

http://angeloxg1.files.wordpress.com/2010/12/panettone.jpgOggi 3 Dicembre si celebra in tutto il mondo la Giornata Internazionale dei Diritti delle Persone con Disabilità, una giornata importante che richiama la nostra attenzione sui diritti, sul mettersi in gioco, sull’inclusione come valori che non riguardano solo le persone con disabilità ma tutti, nessuno escluso: valori universali condivisibili per il bene di ogni essere umano.

L’organizzazione di volontariato Abili nell’apprendere si occupa Continua a leggere
Categorie: Uncategorized | Tag: , , , , | Lascia un commento

Come cambia il Natale

Il vero Natale è quello che non ha bisogno di nulla, se non dello stare insieme ai propri cari

Le strade si riempiono di gente e di tante luci colorate. I negozi sono ricchi di vetrine addobbate e gremiti di persone che comprano regali.
E tra luccichii, dolcetti e doni, il Natale sta perdendo la sua importanza originaria, anche per i cristiani. Prima  la cosa che contava era la fede e il momento di stare insieme ai propri cari, senza lusso, per celebrare la nascita di Cristo. Adesso, ciò che importante sono i regali, lo sfarzo e tutto diventa un momento di “affari”. Proprio per questo, il Natale, col passare del tempo Continua a leggere

Categorie: Arte&Cultura, Cronaca in Classe | Tag: , , , | 2 commenti

Al via i mercatini di Natale

Si avvicina una festa molto bella dove è importante stare con la propria famiglia e anche con le persone più care. Il Natale è una festa che porta gioia e amore nei nostri cuori. Durante il periodo di dicembre nelle piazze principali si svolgono mercatini ricchi di prodotti artigianali natalizi. Il più antico è il mercatino di Bolzano che si svolge in piazza Walther Continua a leggere

Categorie: Cronaca in Classe, News | Tag: , , | 2 commenti

Le feste nel Mondo

Cantare la stella

Intervista ai miei genitori sul periodo natalizio: mi hanno raccontato che quando avevano la mia età, verso il periodo di Natale, di sera andavano con i loro amici per le strade della città a “cantare la stella”, cioè cantare canzoni natalizie, per raccogliere soldi da dare in beneficenza. Spesso il gruppo era accompagnato da un adulto travestito da Babbo Natale che regalava caramelle ai bambini a volte incuriositi a volte spaventati. Visto che faceva molto freddo, a volte cantavano sotto la neve, le persone più gentili offrivano ai piccoli la cioccolata calda e ai grandi il vin-brulè accompagnati da dei dolci. Anche mio papà quando è diventato più grande si è travestito da Babbo Natale e mi ha confidato che era molto faticoso, ma divertente. Mio zio, invece, ancora adesso accompagna il coro suonando la cornamusa. La mamma, in questo periodo dell’anno, mi racconta di quanto si divertiva a “cantare la stella” perché tra una canzone e l’altra chiacchierava e scherzava con le sue amiche. Questa tradizione le manca molto perché è un modo per condividere lo spirito natalizio insieme agli amici.

Andrea 2 D Tabacchi

Ramadan

Io mi chiamo Mohamed e vengo dall’Egitto. Una festa molto conosciuta nei
paesi islamici è il Ramadan. È una festa religiosa durante la quale bisogna stare a digiuno dall’alba al tramonto per un mese; tipici piatti Mahshi (melanzane, zucchine, verze, ripiene di riso, verdure, e pomodori) e buonissimi dolci come kunafa e atayef. Scusate, ma non ne so gli ingredienti.

Mohamed 5 B Brunacci

Sacrificio

La Festa del Sacrificio quest’anno l’abbiamo festeggiata il 27 novembre. Ogni anno cambia giorno, perché si festeggia 70 giorni dopo la fine del Ramadan. Le famiglie benestanti comprano le bestie dal macellaio e distribuiscono la carne ai poveri, si fanno visite ai parenti e si fanno regali ai bambini. I piccoli vanno nei luoghi di divertimento, come giardini e luna park.

Lara e Annamaria 4 B Vigevano

Santa Lucia

Ciao sono Edith e nel mio paese, la Svezia, si festeggia Santa Lucia, il 13 dicembre, simbolo della luce. Quel giorno una giovane viene scelta ad impersonare il ruolo di Lucia e porta una corona con candele accese sulla testa. In tutte le chiese si festeggia e si tiene un concerto tradizionale di musica svedese. A Stoccolma Lucia attraversa la città fino al museo all’aperto Skansen. Questa festa è molto sentita e vissuta dagli svedesi.

Edith 5 B Brunacci

San Martino

L’11 novembre è la festa di San Martino. Tutti conoscono la poesia di San Martino scritta da Giosuè Carducci. Ma San Martino si festeggia anche in Svezia e in Danimarca, dove è tradizione mangiare l’oca. Questa usanza è legata a una leggenda: si racconta che il papa volesse a tutti i costi nominare vescovo Martino. Ma Martino era molto umile e desiderava talmente poco occupare posizioni importanti che si nascose in un convento tra le oche sperando che nessuno lo potesse scovare. Voleva pregare e vivere semplicemente. Ma le oche, come si sa, sono animali chiassosi: non conoscendo quel monaco che si nascondeva tra gli altri, fecero un tale concerto di “qua, qua, qua” che alla fine Martino fu scoperto. Da allora ogni anno un’oca viene arrostita in occasione della sua festa; è una specie di punizione… In Germania e in altri paesi i bambini si mascherano, fanno un’allegra processione con delle lanterne di carta, costruite da loro stessi, vanno di casa in casa cantando e facendosi regalare dolcetti e soldini.

Matteo e Sofia 4 B Vigevano

Natale in Africa

In molti paesi africani, l’esistenza di culture religiose diverse ha dato vita ad interessanti incontri. In Nigeria si celebrano le principali feste delle religioni maggiormente presenti. Ad esempio, per Natale, le famiglie si riuniscono attorno agli anziani, e tutti i conoscenti, senza distinzioni tra i culti, sono invitati alla cena della vigilia. Quella sera è abitudine lasciare aperto l’uscio di casa per far sì che chiunque si senta il benvenuto. La tradizione vuole che ci si scambi regali, spesso consistenti in cibi sia crudi sia cotti. Oltre ai doni alimentari, corre l’uso di donar vestiti, specie ai bambini. Nei giorni che precedono il Natale sono le ragazze che vanno di casa in casa ballando e cantando accompagnate da tamburi.
Usano annunciarsi con un biglietto in cui specificano il giorno in cui si esibiranno. Le danze proposte variano in base all’appartenenza etnica dei vari gruppi, come pure i canti, sempre composti nelle lingue locali. Dal 25 in poi, invece, sono gli uomini ad esibirsi lungo le strade. Con i volti coperti da grosse maschere di legno, rappresentano vari personaggi legati al costume locale.
L’albero è presente nelle celebrazioni natalizie africane già dai primi tempi delle missioni. La decorazione più frequente, in casa come in chiesa, consiste in un intreccio di rami di palma, spesso disposti a formare un arco, su cui vengono applicati dei grandi fiori bianchi che sbocciano sotto Natale. I fiori non sono coltivati: di solito i bambini li raccolgono al mattino della vigilia.

Classe 5 B Gentilino

Categorie: Arte&Cultura | Tag: , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Grazie dal Congo

L’esperienza del mercatino che abbiamo fatto a Natale per il progetto “Un vestito per Natale” ci ha molto coinvolto e sensibilizzato ad una realtà che conoscevamo per sentito dire, ma che così direttamente non avevamo mai affrontato. La nostra prof. di italiano attraverso una sua amica missionaria in Congo ci ha fatto conoscere la situazione di estrema povertà in cui vivono centinaia di ragazzi che a mala pena riescono a mangiare una volta al giorno Continua a leggere

Categorie: Cronaca in Classe | Tag: , , , | Lascia un commento

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: